Intervista a Joe Diverio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Qual’è il suo ricordo più intenso legato a Stresa?

Il concerto fatto a Villa Ducale, davanti 600 persone, nell’estate del 2003. emozione indimenticabile

Se dovesse dire qual’ è il periodo dell’anno o il momento della giornata che preferisce a Stresa, quale sarebbe?

L’autunno, con la sua atmosfera crepuscolare ed i suoi colori

C’è un luogo segreto di Stresa che vuole rivelarci, oppure semplicemente dirci qual’è il suo posto del cuore a Stresa?

Molto semplicemente casa mia, dalla quale vedo tutto il lago e il cambiare dei colori con il passare della giornata

Se dovesse legare Stresa ad un odore o a un profumo, quale sarebbe?

Ogni volta diverso. E’ il profumo della gente e del posto dove sto per cantare. Vado prima apposta, per carpirne l’atmosfera

Mettiamo il caso di dover creare un insider guide: tre posti a Stresa che consiglierebbe a chi non la conosce. Può essere un bar, un ristorante, un hotel, ma anche un negozio, un evento o una cosa da fare o da visitare.

Sicuramente l’hotel Villa Aminta, per la sua eleganza, poi l’Enoteca da Giannino, il mio”hideaway”preferito, dove riesco a sentirmi nascosto anche in mezzo alla folla. in ultimo Lo Stornello, ristorante dove mangio bene io, ma anche mia moglie che e’ vegana trova pane per i suoi denti.

Tre parole per descrivere Stresa.

Stresa caput mundi ( o no?)

 

Leggi un’altra intervista

Share on    Share on Facebook
Facebook
Google+
Google+
Email to someone
email

Tag Cloud:

By Aqu4diS