Intervista a Francesco Luoni

 

Qual’è il suo ricordo più intenso legato a Stresa?

Il lago increspato visto dal lungolago nei mesi invernali.

Se dovesse dire qual’ è il periodo dell’anno o il momento della giornata che preferisce a Stresa, quale sarebbe?

La mattina quando qualche nuvola copre il cielo e i raggi del sole fanno capolino, un’immagine unica quasi divina.

C’è un luogo segreto di Stresa che vuole rivelarci, oppure semplicemente dirci qual’è il suo posto del cuore a Stresa?

Il view point sopra il Rossini sulla strada pie andare a Carpugnino. La sera al tramonto da un senso di infinito.

Se dovesse legare Stresa ad un odore o a un profumo, quale sarebbe?

A un tipo particolare di azalea, l’azalea Mollis. Credo che nella mia mente sia talmente impressa da evocarmi mille ricordi

Mettiamo il caso di dover creare un insider guide: tre posti a Stresa che consiglierebbe a chi non la conosce. Può essere un bar, un ristorante, un hotel, ma anche un negozio, un evento o una cosa da fare o da visitare.

Sky bar, per poter apprezzare il lago e tutta Stresa. Le isole, un’esperienza ai limiti della realtà. I concerti di musica classica, arte allo stato puro.

Tre parole per descrivere Stresa.

Eleganza, profumi, magia.

 

Leggi un’altra intervista

Share on    Share on Facebook
Facebook
Google+
Google+
Email to someone
email

Tag Cloud:

By Aqu4diS